Ruote - Sito del Team Anni Verdi Susi, moda e passione

Vai ai contenuti

Ruote

Tecnica
Comfort su ruote



  Io resto della convizione che per preparare una bici confortevole occorre prestare molta attenzione nella scelta delle ruote. Chiaramente una ruota basso profilo, sia di alluminio o carbonio, sarà più confortevole di una ruota alto profilo, l'ideale sarebbe una bella ruota con cerchio di alluminio basso profilo a 32 raggi incrociati in seconda, ma per le abitudini attuali, risultano pesanti ed esteticamente criticabili. Poi  ci sono le medio profilo, a parere mio, il giusto compromesso fra prestazioni e comfort oltre che estetiche, alla fine un fattore  molto importante per noi amatori della bici.
    Il medio profilo, non soffre molto il vento laterale, ha una scorrevolezza molto buona, una guidabilità e manegevolezza ottima ed è abbastanza confortevole.
    Infine, fattore decisivo, per completare la scelta di una coppia di ruote confortevoli sono le coperture, esse devono avere la mescola elastica e la carcassa con una grande quantità di fili per pollice; più fili contiene più sarà elastica e confortevole. Per avere ancora più comfort e scorrevolezza è preferibile montare il tubolare. L'accoppiata ideale: ruota medio profilo con tubolare.

    Nella mia vita ciclistica ho avuto la possibilità di usare diversi tipi di ruote, sia in alluminio che in carbonio. Ultimamente ho acquistato la Bianchi Infinito cv, che monta diversi componenti FSA/Vision, io ho completato, i suddetti componenti, con l'acquisto delle ruote Vision Metron 40 tubolare.
    Da notare che la misura minima dei tubolari da montare è 23mm. Questa specifica è diretta conseguenza del fatto che i cerchi  delle Metron sono molto larghi: 25mm, frutto degli studi aerodinamici compiuti da Vision (e da molti altri  produttori) secondo i quali cerchi più larghi ottimizzano la resa  aerodinamica.
   Io, abitualmente uso tubolari Vittoria Corsa CX, Carcassa in cotone 320 TP da 25mm, che mi assicurano una guida impagabile: morbida, dona al tempo stesso un’eccellente maneggevolezza
   Per quello che può valere la mia opinione, visto che non sono all'altezza di sfruttare tutte le caratteristche delle ruote (e  della bici), posso affermare che  queste ruote  si apprezzano per la loro scorrevolezza e la facilità di rilancio alle  medio/basse velocità e in pianura, oltre alla citata scorrevolezza, la silenziosità,  la stabilità e la capacità di assorbire le vibrazione proveniniente dal manto stradale: mentre in discesa sono docili da condurre senza incertezze, in curva si inseriscono con precisione senza bisogno di correzioni e la frenata, grazie alla generosa larghezza del cerchio, la pista in carbonio non si riscalda troppo e questo assicura una frenata costante, buona, senza singhiozzi o stridii.
  Scaricando tutta la forza sui pedali, partendo da bassa  velocità, la raggiatura non concede alcuna flessione; l’insieme  della ruota posteriore non si scompone supportando il carico senza  perdite di aderenza; dove le ruote sono state piacevolmente sorprendenti, sono nelle giornate di vento, ripeto sono sorprendenti: non soffrono il vento laterale, o meglio lo soffrono poco poco addirittura in certi casi, con vento laterale/posteriore aiutano il ciclista a pedalare con più facilità, da sottolineare, quando arriva il colpo di vento laterale la ruota sente la spinta ma si riallinea immediatamente dando quel senso di tranquillità e sicurezza.
In conclusione-direi che con le Vision Metron40 il vento non fa più paura e..... non è poco. Grandioso!
Monocorona
Torna ai contenuti