Casco per Ciclismo - Sito del Team Anni Verdi Susi, moda e passione

Vai ai contenuti

Casco per Ciclismo

Salute in bici
CASCO PER LA SICUREZZA

La pratica del ciclismo può essere considerata uno dei migliori modi per ottenere e mantenere un buon grado di efficienza fisica. Ma e bene ricordare che la sicurezza e un fattore importante per il ciclista e per questo e bene indossare, sempre, il casco.
PERCHE' INDOSSARE IL CASCO?
Semplice per evitare, in caso di cadute, la possibilità spaccarsi la testa. Trauma cranico, lo chiamano i medici. Il casco non protegge in assoluto, ma limita l’impatto.
E' importante sceglierlo bene il casco. Nell'acquisto, per bici da corsa, è bene considerare  la leggerezza e la ventilazione perché durante i giorni caldi sono fondamentali; è dunque importante trovare un buon mix.
Il casco va indossato correttamente deve aderire bene alla testa, senza linee innaturali, il cinturino deve essere facile da chiudere e da aprire, ma non troppo, per evitare che si slacci da solo. Un'altra  cosa importante è controllare le certificazioni; se il casco è omologato e riconoscibile dalla sigla "EN 1078" (la norma internazionale che regola i crash-test di questo tipo di elmetti) riportata sull'etichetta apposta nella parte interna del prodotto o sul cinturino. Significa che il vostro casco è testato: c'è posto per mettere gli occhiali, la vista frontale o laterale non è ostacolata, sono state superate le prove di resistenza in condizioni di stress meccanico o di urto.

A differenza di quelli più economici, alcuni dei caschi di alta gamma hanno una sicurezza supplementare. Questi infatti sono dotati della tecnologia MIPS.
MIPS (Multi-Directional Impact Protection System)
è un sistema a piano di scorrimento progettato per ruotare all’interno del casco con l’intento di ridurre e rallentare la quantità di energia trasferita verso la testa e lo scopo di diminuire le lesioni causate da urti rotazionali.
MIPS ha richiesto diversi anni di collaborazione con i progettisti. La tecnologia è stata sviluppata da alcuni scienziati presso il Karolinska Hospital e il Royal Institute of Technology di Stoccolma, Svezia. Il concetto è fondato su 19 anni di ricerche accademiche

COME FUNZIONA
Un casco dotato di tecnologia MIPS è costituito da tre componenti principali: la calotta in polistirene espanso (EPS), la calotta a basso attrito e, tra le due, un sistema di fissaggio per mezzo di elastomeri. In un impatto angolato, il sistema di fissaggio per mezzo di elastomeri si tende per consentire alla calotta in EPS di girare in modo indipendente attorno alla testa. Di quanto si sposta il sistema? Solo di un paio di millimetri. Ma i pochi millimetri di spostamento, durante quei 2 millisecondi cruciali, possono ridurre la quantità di forza rotazionale che può essere trasferita al cervello.
Personalmente sono stato sempre favorevole all'uso del casco durante la pratica del ciclismo ed è per questo che ho sempre indossato il casco.
Ultimamente utilizzavo il modello MOJITO della Kask, veramente un ottimo casco. Ho detto usavo perchè causa un incidente (sono stato investito da un auto) ho rotto il casco, preciso, ha lavorato bene, mi ha salvato, certamente mi ha risparmiato un bel mal di testa.

Adesso devo procurarmi un nuovo casco e sto valutando se passare alla tecnologia MIPS (sono diversi modelli di diverse marchi) o passare alla nuova tecnologia ideata dalla americana TREK:  
WaveCel
Porta la protezione su un livello superiore. Bontrager Spectre WaveCel offre il meglio in termini di versatilità e comfort nelle uscite di tutti i giorni su strada, trail, gravel e su qualsiasi altro terreno. Dal fango all'asfalto, veloce o lento, questa nuova soluzione di protezione offre tutta la sicurezza di cui hai bisogno ovunque tu scelga di pedalare.
 
WaveCel è una struttura cellulare comprimibile che riveste l'interno del  casco. Funziona come zona di collasso, un'area che assorbe la forza  dell'urto prima che raggiunga la testa del ciclista. Questa tecnologia esclusiva Bontrager rivoluziona gli standard di sicurezza in vigore da oltre 30 anni.

08/06/2016

Dopo averne provati diversi modelli, la scelta e caduto sul casco Bontrager mod. Velocis Mips perchè per la mia testa è l'ideale e perchè pur avendo la tecnologia Mips è leggero, tutto l'opposto del casco Wavecell che pur assicurando una ottima protezione risulta molto pesante e,  a mio parere, quando si deve stare in bici oltre le tre ore la cosa diventa fastidiosa.
casco
Torna ai contenuti